diredonna network
logo
Stai leggendo: Compie lo stupro, fingendosi il fidanzato della vittima: assolto, perchè lei è nubile.

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Compie lo stupro, fingendosi il fidanzato della vittima: assolto, perchè lei è nubile.

E' delle ultime ore la notizia secondo cui, un uomo in California, è stato assolto dall'accusa di stupro perchè la vittima risulta libera da un qualsiasi legame coniugale.

Come se le donne nel mondo attuale, già non subissero abbastanza pressioni e grandi discriminazioni, è di oggi la notizia assurda, secondo la quale, un uomo in California, è stato assolto dall’accusa di stupro con la motivazione che la vittima è di stato civile nubile. L’uomo, un tale Julio Morales, si è finto il fidanzato della vittima  (in realtà era uscito poco prima, mentre lei si era addormentata), si è introdotto furtivamente nella sua stanza, ed ha approfittato di lei.

Il giudice, che comunque, aveva dichiarato lo stupratore colpevole,e lo aveva condannato dal primo grado di giudizio, ha poi ribaltato la sentenza dato che la difesa dell’imputato ha fatto ricorso ad una vecchia, obsoleta e diciamo pure assurda legge inglese risalente al 1872, secondo la quale, una donna se nubile, tecnicamente non può dichiarare di aver subito violenza.

Stando a quanto dichiarato dal giudice Thomas L. Willhite Jr, che si è occupato del caso, sulla base di questa legge, la donna, vittima dello stupro può dichiarare di aver subito violenza, solo se dispone di un marito; in caso contrario, si suppone che lo stupratore, possa dichiararla consenziente al rapporto.

A questo punto, ci si attende solo la revisione del processo, e la possibilità per quest’ennesima donna, vittima di un sistema impazzito, di poter ottenere la giustizia che merita!