diredonna network
logo
Stai leggendo: Compie lo stupro, fingendosi il fidanzato della vittima: assolto, perchè lei è nubile.

"Tu rimani un povero handicappato e ne sono contento": il cartello shock

Quando l'arcobaleno è rosa: la spiegazione del fenomeno

Cynthia Nixon come "Miranda": da Sex & The City alla politica

Look da fata dai capelli turchini per Rihanna

Il papà denuncia la mamma no-vax: la parola passa al tribunale

"Mangia, sei anoressica": Alessia Marcuzzi risponde alle critiche su Instagram

Il messaggio di Emma per l'amica Stefy, la mamma di Bea

Scuola: al via i Licei brevi, 4 anni invece di 5

È morta la mamma di Bea, la bambina prigioniera del suo corpo

Questo è il primo emoji della storia: ha 3700 anni la "faccetta" più antica

Compie lo stupro, fingendosi il fidanzato della vittima: assolto, perchè lei è nubile.

E' delle ultime ore la notizia secondo cui, un uomo in California, è stato assolto dall'accusa di stupro perchè la vittima risulta libera da un qualsiasi legame coniugale.

Come se le donne nel mondo attuale, già non subissero abbastanza pressioni e grandi discriminazioni, è di oggi la notizia assurda, secondo la quale, un uomo in California, è stato assolto dall’accusa di stupro con la motivazione che la vittima è di stato civile nubile. L’uomo, un tale Julio Morales, si è finto il fidanzato della vittima  (in realtà era uscito poco prima, mentre lei si era addormentata), si è introdotto furtivamente nella sua stanza, ed ha approfittato di lei.

Il giudice, che comunque, aveva dichiarato lo stupratore colpevole,e lo aveva condannato dal primo grado di giudizio, ha poi ribaltato la sentenza dato che la difesa dell’imputato ha fatto ricorso ad una vecchia, obsoleta e diciamo pure assurda legge inglese risalente al 1872, secondo la quale, una donna se nubile, tecnicamente non può dichiarare di aver subito violenza.

Stando a quanto dichiarato dal giudice Thomas L. Willhite Jr, che si è occupato del caso, sulla base di questa legge, la donna, vittima dello stupro può dichiarare di aver subito violenza, solo se dispone di un marito; in caso contrario, si suppone che lo stupratore, possa dichiararla consenziente al rapporto.

A questo punto, ci si attende solo la revisione del processo, e la possibilità per quest’ennesima donna, vittima di un sistema impazzito, di poter ottenere la giustizia che merita!