diredonna network
logo
Stai leggendo: Compie lo stupro, fingendosi il fidanzato della vittima: assolto, perchè lei è nubile.

Amazon Wardrobe: scegli, prova a casa gratuitamente, poi decidi se comprare

Creazioni in fimo: 3 idee facili, super carine e come realizzarle

Pronte a comprare i mobili Ikea su Amazon?

Internata in una clinica psichiatrica per impedirle di abortire: la drammatica storia di questa ragazza

Maturità 2017: ecco tutte le tracce della prima prova

Sexting, quella "prova d'amore" che può costare la vita

"Perché mi dice che le faccio schifo?": la risposta di Sergio Sylvestre contro gli haters

Jovanotti e la lettera di Pif: "Mi fa schifo chi se ne sbatte dei disabili"

Saldi estivi 2017: quando iniziano Regione per Regione e i must have della stagione!

Spose bambine: perché migliaia di minorenni si sposano ogni anno negli USA

Compie lo stupro, fingendosi il fidanzato della vittima: assolto, perchè lei è nubile.

E' delle ultime ore la notizia secondo cui, un uomo in California, è stato assolto dall'accusa di stupro perchè la vittima risulta libera da un qualsiasi legame coniugale.

Come se le donne nel mondo attuale, già non subissero abbastanza pressioni e grandi discriminazioni, è di oggi la notizia assurda, secondo la quale, un uomo in California, è stato assolto dall’accusa di stupro con la motivazione che la vittima è di stato civile nubile. L’uomo, un tale Julio Morales, si è finto il fidanzato della vittima  (in realtà era uscito poco prima, mentre lei si era addormentata), si è introdotto furtivamente nella sua stanza, ed ha approfittato di lei.

Il giudice, che comunque, aveva dichiarato lo stupratore colpevole,e lo aveva condannato dal primo grado di giudizio, ha poi ribaltato la sentenza dato che la difesa dell’imputato ha fatto ricorso ad una vecchia, obsoleta e diciamo pure assurda legge inglese risalente al 1872, secondo la quale, una donna se nubile, tecnicamente non può dichiarare di aver subito violenza.

Stando a quanto dichiarato dal giudice Thomas L. Willhite Jr, che si è occupato del caso, sulla base di questa legge, la donna, vittima dello stupro può dichiarare di aver subito violenza, solo se dispone di un marito; in caso contrario, si suppone che lo stupratore, possa dichiararla consenziente al rapporto.

A questo punto, ci si attende solo la revisione del processo, e la possibilità per quest’ennesima donna, vittima di un sistema impazzito, di poter ottenere la giustizia che merita!