diredonna network
logo
Stai leggendo: Compie lo stupro, fingendosi il fidanzato della vittima: assolto, perchè lei è nubile.

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

Compie lo stupro, fingendosi il fidanzato della vittima: assolto, perchè lei è nubile.

E' delle ultime ore la notizia secondo cui, un uomo in California, è stato assolto dall'accusa di stupro perchè la vittima risulta libera da un qualsiasi legame coniugale.

Come se le donne nel mondo attuale, già non subissero abbastanza pressioni e grandi discriminazioni, è di oggi la notizia assurda, secondo la quale, un uomo in California, è stato assolto dall’accusa di stupro con la motivazione che la vittima è di stato civile nubile. L’uomo, un tale Julio Morales, si è finto il fidanzato della vittima  (in realtà era uscito poco prima, mentre lei si era addormentata), si è introdotto furtivamente nella sua stanza, ed ha approfittato di lei.

Il giudice, che comunque, aveva dichiarato lo stupratore colpevole,e lo aveva condannato dal primo grado di giudizio, ha poi ribaltato la sentenza dato che la difesa dell’imputato ha fatto ricorso ad una vecchia, obsoleta e diciamo pure assurda legge inglese risalente al 1872, secondo la quale, una donna se nubile, tecnicamente non può dichiarare di aver subito violenza.

Stando a quanto dichiarato dal giudice Thomas L. Willhite Jr, che si è occupato del caso, sulla base di questa legge, la donna, vittima dello stupro può dichiarare di aver subito violenza, solo se dispone di un marito; in caso contrario, si suppone che lo stupratore, possa dichiararla consenziente al rapporto.

A questo punto, ci si attende solo la revisione del processo, e la possibilità per quest’ennesima donna, vittima di un sistema impazzito, di poter ottenere la giustizia che merita!