diredonna network
logo
Stai leggendo: Compie lo stupro, fingendosi il fidanzato della vittima: assolto, perchè lei è nubile.

La maledizione della lotteria: "Ero più felice prima di vincere al Gratta e Vinci"

Svelate le date di uscita di Frozen 2 e Il Re Leone live action

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Il mio ragazzo ha un tumore al cervello. Dovrei sposarlo?"

Stealthing, il pericoloso "trend" sessuale dello stupro "invisibile": "Sono stata violentata senza accorgermene"

I genitori vogliono continuare la battaglia. Il giudice: "Stop alle cure, deve morire con dignità"

"Buon viaggio piccola Aliena": l'addio di Laura Pausini alla nipotina di 3 anni

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Figlia mia, sopravvivo solo per darti giustizia". Parla la mamma di Tiziana Cantone

A terra con 32 coltellate. "Ho sposato l'uomo che mi ha salvata dall'ex violento"

Compie lo stupro, fingendosi il fidanzato della vittima: assolto, perchè lei è nubile.

E' delle ultime ore la notizia secondo cui, un uomo in California, è stato assolto dall'accusa di stupro perchè la vittima risulta libera da un qualsiasi legame coniugale.

Come se le donne nel mondo attuale, già non subissero abbastanza pressioni e grandi discriminazioni, è di oggi la notizia assurda, secondo la quale, un uomo in California, è stato assolto dall’accusa di stupro con la motivazione che la vittima è di stato civile nubile. L’uomo, un tale Julio Morales, si è finto il fidanzato della vittima  (in realtà era uscito poco prima, mentre lei si era addormentata), si è introdotto furtivamente nella sua stanza, ed ha approfittato di lei.

Il giudice, che comunque, aveva dichiarato lo stupratore colpevole,e lo aveva condannato dal primo grado di giudizio, ha poi ribaltato la sentenza dato che la difesa dell’imputato ha fatto ricorso ad una vecchia, obsoleta e diciamo pure assurda legge inglese risalente al 1872, secondo la quale, una donna se nubile, tecnicamente non può dichiarare di aver subito violenza.

Stando a quanto dichiarato dal giudice Thomas L. Willhite Jr, che si è occupato del caso, sulla base di questa legge, la donna, vittima dello stupro può dichiarare di aver subito violenza, solo se dispone di un marito; in caso contrario, si suppone che lo stupratore, possa dichiararla consenziente al rapporto.

A questo punto, ci si attende solo la revisione del processo, e la possibilità per quest’ennesima donna, vittima di un sistema impazzito, di poter ottenere la giustizia che merita!