diredonna network
logo
Stai leggendo: Melania Rea uccisa dal marito perchè si rifiutò di avere un rapporto sessuale.

Quando l'arcobaleno è rosa: la spiegazione del fenomeno

Cynthia Nixon come "Miranda": da Sex & The City alla politica

Look da fata dai capelli turchini per Rihanna

Il papà denuncia la mamma no-vax: la parola passa al tribunale

"Mangia, sei anoressica": Alessia Marcuzzi risponde alle critiche su Instagram

Il messaggio di Emma per l'amica Stefy, la mamma di Bea

Scuola: al via i Licei brevi, 4 anni invece di 5

È morta la mamma di Bea, la bambina prigioniera del suo corpo

Questo è il primo emoji della storia: ha 3700 anni la "faccetta" più antica

Itzel, la ragazza di 15 anni che ha ucciso il suo stupratore, è stata assolta

Melania Rea uccisa dal marito perchè si rifiutò di avere un rapporto sessuale.

Shock per il caso Rea e Parolisi. Melania uccisa perchè dominante nel rapporto.
Il gup Marina Tommolini ha inserito oltre 60 pagine di motivazioni alla condanna del caporalmaggiore, Salvatore Parolisi per l’omicidio della moglie Melania Rea. Pare infatti che Melania dopo aver rifiutato di concedersi per un rapporto sessuale con il marito, è stata uccisa per umiliazione. Il “Tempo” rende nota la notizia, ribaltando la figura di Parolisi che da arrogante diventa frustrato. La moglie era una figura dominante nella coppia e Parolisi non lo sopportava. 
Puntare sui tradimenti del caporalmaggiore si è rivelata una mossa sbagliata. Il delitto familiare non è assolutamente collegato ai segreti della caserma o ai tradimenti di Salvatore Parolisi. Il suo rapporto con Ludovica inoltre è considerato una prova inesistente.  
Shock davanti alla spiegazione del terribile gesto: Melania, dovendo fare pipì, si è allontanata dietro al chiosco e il marito vedendola seminuda le avrebbe chiesto un rapporto sessuale. Melania però si è rifiutata ridicolizzando il marito con parole umilianti. L’orgoglio di lui ha reagito, sferrando i primi colpi. L’aggravante di tutto ciò è la totale assenza di pentimento da parte di Parolisi che cerca invece di depistare le indagini.